Filtra

Umberto Gnoli e la Riscoperta Dell’arte Umbra

Disponibile

Disponibile

COD: 9791280662217 Categorie: , ,
Autore

,

Data di pubblicazione

Editore

ISBN

Lingua di pubblicazione

Luogo di interesse

Perugia, 2023, Aguaplano. Cm. 21×15, pp. 143, ill. in nero n.t., br,

Umberto Gnoli va annoverato in quel gruppo di studiosi, nati nell’ultimo quarto del XIX secolo, che operarono con instancabile e pionieristica dedizione per lo studio e la conoscenza – ma anche per l’organizzazione e la salvaguardia – dell’immenso patrimonio storico-artistico del neonato Stato italiano, ricoprendo peraltro ruoli significativi nel settore ministeriale della tutela fino alla metà del Novecento. Allievo di Adolfo Venturi, sin dai suoi primi studi Gnoli dimostra di aver recepito le istanze metodologiche emerse nell’ampio dibattito europeo di fine Ottocento: l’enfasi riservata alla ricerca storico-artistica quale disciplina positiva; la prevalenza dell’indagine documentaria nell’impostazione dello studio; la lettura filologica e obiettiva dell’opera d’arte nei suoi caratteri formali, tecnici e iconografici; il supporto delle sempre più raffinate tecniche di riproduzione fotografica.
Istanze riannodate, nel solco tracciato da Venturi, in una generale visione “evoluzionistica” dei fatti dell’arte e degli artisti, secondo l’«assunto della ciclicità dell’arte concepita in chiave naturalistica» (Gianni Carlo Sciolla). Di Umberto Gnoli Cristina Galassi ha accuratamente ripercorso l’attività scientifica, soffermandosi anche sugli incarichi di primissimo piano che egli ricoprì nella salvaguardia del patrimonio storico-artistico regionale: dal 1909 fu Ispettore presso la Soprintendenza ai Monumenti dell’Umbria; nel 1921 fu nominato direttore della Regia Galleria dell’Umbria e soprintendente alle Gallerie, ai musei medievali e moderni e agli oggetti d’arte; in questa veste, oltre a redigere il nuovo inventario della Galleria, si adoperò per rinnovarne il percorso espositivo e incrementarne le collezioni attraverso donazioni, nuove acquisizioni e recuperi.
Altrettanto rimarchevole è stata la sua opera di animatore culturale, di promotore di iniziative editoriali e di fondatore della rivista «Rassegna d’arte umbra» (1909-1921), della quale Chiara Cruciani ripercorre la genesi e lo sviluppo, indagandone la struttura e i principi metodologici e proponendo una dettagliata ricognizione dei più rilevanti contributi monografici: una vera e propria immersione nell’arte umbra dal Duecento al tardo Rinascimento attraverso lo sguardo – e le scoperte più eclatanti – dei «migliori scrittori d’Arte italiani e stranieri».

Disponibile

Torna in cima